giovedì 23 febbraio 2012

Aspettando l'aurora (del pensiero)

Parmenide (immagine EMSF-RAI)


« … Orbene io ti dirò, e tu ascolta accuratamente il discorso, quali sono le vie di ricerca che sole sono da pensare: l'una che "è" e che non è possibile che non sia, e questo è il sentiero della Persuasione (infatti segue la Verità);
l'altra che "non è" e che è necessario che non sia, e io ti dico che questo è un sentiero del tutto inaccessibile: infatti non potresti avere cognizione di ciò che non è (poiché non è possibile), né potresti esprimerlo.
… Infatti lo stesso è pensare ed essere. »

Vagando di giorno i  giorno tra i libri, torno spesso all'aurora del pensiero. La dea Verità parla nell'attimo che segna l'essere indicando la via da seguire. 
Indica, suggerisce...rivela...ecco il punto. La verità che rivela levando sul profondo dell'assoluto, quell'insondabile che ancora oggi sconcerta e sconvolge.
Sconvolge perchè nulla viene imposto aprendo sulla vertigine della libertà nel silenzio che tritura ogni umana bassezza.
Attonito contemplo la lontananza vicina.